Chiama oraPrenota ora
C

Cibo e Tradizione

cultura enogastronomica

17 dicembre 2016

Cibo e Tradizione

L’ENOGASTRONOMIA UMBRA

Spoleto è nel cuore verde dell’Umbria, regione ricca di innumerevoli prodotti e produzioni alimentari di grande qualità. Solo a titolo di esempio si pensi all’olio delle colli Spoleto-Assisi al vino si pensi al sagrantino montefalchese ma anche al trebbiano spoletino o al grechetto del Colli Martani, al tartufo nero di Spoleto e Norcia, al prosciutto, ai pecorini ed ai formaggi, allo zafferano, ai legumi… e molti altri. Una tradizione di cucina contadina che ha dato luogo a ricette povera e genuine nelle materie prime ma di sapore e di gusto che rappresentano una delle forme più autentiche dell’identità locale. Esistono tanti ricettari e tanti segreti ma la verità è che ogni casa ed ogni cuoco cucinerà i suoi piatti in maniera diversa. Così ad esempio gli “strengozzi” (pasta tipica di Spoleto) saranno cucinati in varie maniere e ogni brava massaia avrà la sua ricetta per fare la “crescionda” (dolce tipico di Spoleto).

Forse si può dire che in realtà la vera cucina locale spoletina e umbra è quella che usa i prodotti del territorio. Numerose sono inoltre gli eventi promozionali che in tutta la regione vedono protagonista l’enogastronomia: dalle sagre alle mostre mercato e ciò ci fa capire quanto questa terra sia legata al buon mangiare e al buon vivere. Una terra che ama lo “slow food” e la “slow life”. Il gusto e il sapore delle nostre eccellenze culinarie, apprezzabili per una cucina semplice e frugale, saranno tra i migliori ricordi della visita in Umbria.

TRADIZIONI e FOLCLORE

In tutta l’Umbria innumerevoli sono le tradizioni popolari, le feste religiose, i tornei, le rievocazioni, le mostre mercato e le occasioni dove incontrare clima di festa come Pali, le Giostre e i Cortei Storici molti con origini da antichi riti pagani spesso tramandati sotto nuove vesti religiose. Alcune di queste manifestazioni sono rievocazioni storiche e vogliono attrarre l’attenzione e la curiosità dei turisti, ma esibiscono anche forti elementi di coinvolgimento da parte dei ceti popolari. Altre, invece, sono vere e proprie manifestazioni folcloristiche che si tramandano da secoli, tanto che, una di esse, sicuramente la più importante, la festa dei ceri, va a costituire anche il simbolo della regione Umbria.